Sistemi telematici, utilizzo di software, posta e firma certificati, tutti elementi che “spaventano” i commercianti…ecco una linea guida per fare un po’ di chiarezza.

La fatturazione elettronica, tra il disorientamento generale dei commercianti, è entrata in vigore il primo gennaio 2019  ed è volta a ridurre gli sgravi fiscali del nostro paese grazie al controllo h24 che permette     all’Agenzia delle Entrate di avere una visione costante sulle transazioni.

La fatturazione elettronica funziona sia tra aziende in un rapporto BtoB sia con i privati nel BtoC. Essa si muove tramite un sistema d’interscambio denominato Sdl il quale verifica se la fattura contiene i dati obbligatori ai fini fiscali, l’indirizzo telematico di recapito della fattura (univoco o pec) e che la partita iva (BtoB) o il codice fiscale (BtoC) siano corretti. L’invio della fattura avviene tramite un programma dedicato. Relativamente alla gestione di questa nuova procedura, a seconda del numero di fatture attive/passive emesse,  può essere consigliabile,   avvalersi di un intermediario che si occupa proprio di emettere, inviare ricevere e conservare le fatture elettroniche o, in alternativa a questo utilizzare  il servizio gratuito dell’agenzia delle entrate (consigliabile nel caso si emettano fatture esigue di importo e quantità).

Come accennato in precedenza la fattura, precedentemente firmata digitalmente, viene inviata tramite un indirizzo telematico che può essere identificato tramite un codice alfanumerico di 7 cifre oppure dall’indirizzo pec (preceduto dal codice 0000000). Nel caso in cui la fattura è emessa a un privato, funziona come per l’utilizzo dell’indirizzo pec: inserimento del codice fiscale preceduto dal codice 0000000.

Se la fattura contiene errori il Sdl segnalerà  tale fattura e questa risulterà come non emessa. A questo punto, l’emittente dovrà, in linea con la normativa fiscale, riemetterla rispettando la data di emissione e il codice di fattura.

Una volta inviata la fattura, come si fa a ricevere?  La fattura potrà essere recepita tramite l’area riservata dell’Agenzia delle entrate nel cosiddetto “cassetto fiscale”. Inoltre, nel caso di soggetto fisico la fattura dovrà essere consegnata al cliente in copia cartacea o pdf.

Sembra più facile a dirsi che a farsi, si potrebbe pensare, ma sicuramente una volta preso mano con questa procedura i vantaggi saranno diversi : certezza della data di emissione e consegna, velocizzazione delle procedure di registrazione ed inoltre si potranno consultare e rintracciare (velocemente) le fatture grazie all’archiviazione elettronica che va oltre al semplice salvataggio sul pc di una copia della stessa

Con questo articolo abbiamo cercato di fare un po’ di chiarezza sui concetti chiave, non ci resta che dire Buon Lavoro!

Per ricevere informazioni dettagliate da un nostro incaricato

0 commenti

Invia un commento

Come combattere lo stress?

Come combattere lo stress?

Siamo stressati? Forse siamo solo presi dalla nostra vita, rincorrendo le mille azioni da fare in una giornata dimenticandoci l’importanza delle pause. La malattia più comune ai giorni d’oggi è sicuramente lo stress: la vita frenetica, il poco tempo per noi stessi e...

L’importanza della sicurezza stradale dal pilota al pedone!

L’importanza della sicurezza stradale dal pilota al pedone!

Una vita frenetica, sempre di corsa fra mille impegni tra lavoro, famiglia e passioni che non ci lasciano il tempo di riflette… l’importante è partire ma se ci si ferma all'improvviso?Come recita il re leone “facciamo parte del cerchio della vita” e ogni nostra scelta...

Share This