Una breve pillola di agenzia per farvi capire i meccanismi di gestione di un sinistro all’estero, dalla documentazione necessaria alle tempistiche.  

Non sarà il periodo dei viaggi on the road, ma comunque c’è chi viaggia in auto e si trova per piacere o per lavoro all‘estero. Proprio quest’ultimo è il caso di un nostro cliente che rientrato da un viaggio di lavoro entra in agenzia con la richiesta di parlare con chi si occupa dei sinistri. “Salve, ero in Germania per lavoro e mentre mi recavo con la mia auto in fiera un signore mi ha tamponato causandomi un danno. Ho qui i suoi dati, è possibile aprire una richiesta di risarcimento? Ho anche delle foto se possono essere d’aiuto.”, “Si è possibile, mi spieghi la dinamica e cercheremo di fare il possibile per farle ottenere un risarcimento. La informo già che i tempi saranno lunghi, ci vorrà un po’ di pazienza”.

Mentre il signore mi gira i dati inizio a compilare la richiesta da inviare al Consap per risalire alla compagnia di assicurazione estera e alla sua referente italiana per procedere con l’invio della richiesta di risarcimento. In questo caso il nostro cliente è stato bravo a raccogliere i dati personali del conducente oltre alla targa dell’altro veicolo coinvolto e a documentare fotograficamente l’accaduto.  Questo ci consente di avere più elementi sul caso, evitando eventuali discussioni sulle dinamiche (se possibile sarebbe utile compilare le constatazioni amichevoli per velocizzare e ottimizzare la procedura di liquidazione). Tornando a noi, informo il nostro cliente che, una volta ricevuta la richiesta di risarcimento, la compagnia della controparte ha tempo 3 mesi per comunicare un’offerta di risarcimento o per rifiutarlo. Se non risponde la domanda va presentata all’organismo di indennizzo italiano. 

Tutto questo solo se ci si trova in un paese SEE – sistema economico europeo – dove sono ammesse le nostre carte verdi, altrimenti la procedura di risarcimento diventerà più lunga in quanto dovrà essere fatta al Bureau del paese dove si è verificato l’incidente oppure direttamente alla compagnia estera di riferimento (cosa più complicata che scrivere direttamente all’agenzia in contatto con il cliente).

Riassumendo: i punti fondamentali di quando avviene un sinistro all’estero sono quelli di recuperare i maggior dati possibili sulla controparte e, ove possibile, compilare la constatazione amichevole, scattare foto o video prima di spostare le autovetture al fine di avere un quadro completo del sinistro, infine recarsi in agenzia per avviare le procedure di risarcimento.

Nel caso tu abbia un’assicurazione online o la tua agenzia non preveda questo servizio potrai compilare la richiesta di risarcimento da inviare al Consap tramite il sito a questo link https://www.consap.it/servizi-assicurativi/centro-di-informazione/procedure-e-modulistica/

0 commenti

Invia un commento

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Per saperne di più sui nostri servizi e le offerte a te dedicate, contattaci senza impegno

Chiusura in via precauzionalePer urgenze scrivere a info@assiponte.eu oppure telefonare al numero 3371466796

CONTATTACI
Share This